Cerca

Royal Hotel Sanremo, la storia: 146 anni di lusso, eleganza e ospitalità a 5 stelle

storia-royal-hotel-sanremo-albergo-lusso-liguria

La storia del Royal Hotel Sanremo

Qual è la storia del Royal Hotel Sanremo: saranno in molti, vedendo questa struttura, a chiedersi come sia nata, perchè e che “avventure” abbiano visto e vissuto quelle mura. Il Royal Hotel Sanremo, del resto, è un albergo storico della città, ma anche di tutta la Liguria. Nel 2019 celebra 147 anni di vita ed è ormai un vero e proprio mito dell’ospitalità locale. Vediamo allora insieme la storia del Royal Hotel Sanremo.

Royal Hotel Sanremo, i primi anni: l’idea di Lorenzo Bertolini

Tutto comincia intorno alla metà del XIX secolo dall’idea di Lorenzo Bertolini, un imprenditore valdostano già esperto del mondo alberghiero, che decide di aprire a Courmayeur una locanda per i suoi clienti nobili ed aristocratici europei. Questo divenne il primo Royal Hotel gestito da Bertolini: l’impresario fu un vero e proprio precursore nel mondo dell’ospitalità a 5 stelle tanto che fu anche uno dei primi a dotare tutte le stanze del suo albergo dell’elettricità. La sua vocazione legata al turismo d’elite si trasformò ben presto in un’intuizione geniale: vendendo che gran parte della sua clientela, pur apprezzando la bellezza della struttura in cui soggiornava, avrebbe preferito trascorrere le proprie ferie invernali al mare, precisamente a Sanremo in Liguria, decise di acquistare proprio in quella zona dei terreni.

Inaugurazione del Royal Hotel Sanremo nel 1872

Sanremo stava diventando la metà più cool e alla moda prescelta dalla nobiltà di tutta Europa poichè era, ed è, collocata in una posizione molto favorevole: vicino al mare, alla Costa Azzurra, Nizza e Cannes. Lorenzo Bertolini così, nei primi anni ’70 dell’800 decise di fare un salto di qualità e di acquistare dei terreni nei pressi del nuovo lungomare Imperatrice a Sanremo. Proprio su queste terre diede vita al Royal Hotel Sanremo che, da subito, divenne la meta ideale per ospiti di rilievo come Eugenio Montale, Clark Gable, Paul McCartney, Maria Callas… Il Royal Hotel Sanremo venne costruito lavorando sulla base del progetto del piemontese Alessandro Cantù il quale fu un famoso architetto, oltre che cartografo e insegnante. L’albergo, con la sua facciata che si affacciava su Corso Imperatrice, e le decorazioni in stile Rococò, venne inaugurato nel 1872, pochi mesi dopo l’inaugurazione di un’altra struttura importante: la nuova linea ferroviaria tra Genova e Ventimiglia che avrebbe dato un impatto notevole all’esplosione vera e propria del turismo sanremese di tutta la Liguria occidentale.

Royal Hotel Sanremo oggi: ampliamenti e ristrutturazioni

Nel 1880 il Royal Hotel Sanremo venne ampliato seguendo il progetto dell’architetto Pio Soli. Dopo questo primo intervento, ne vennero fatti altri nell’estate del 1906 per mano dell’architetto sanremese Carlo Gastaldi che aggiunse delle strutture esterne e gli arredi del giardino, come gradinate, grotte e cancellate. Gastaldi rinnovò anche la sala da pranzo che venne dotata di lussuose decorazioni che resero l’ambiente ancora più affascinante ed elegante. Come se non bastasse,  nei primi del ‘900 arrivarono anche i primi 12 parcheggi per le per le automobili.Durante il Fascismo, seguendo le direttive del regime, il Royal Hotel Sanremo cambiò momentaneamente nome e divenne Albergo Reale; sempre negli anni della guerra poi la struttura subì dei danni e il Royal Hotel Sanremo potè riaprire soltanto il giorno di Natale del 1946, con il suo nome originale.

Soggiornare a Sanremo oggi al Royal Hotel: tra lusso, eleganza e ospitalità a 5 stelle

Il Royal Hotel Sanremo, col passare del tempo, divenne non solo un punto di riferimento per l’ospitalità, ma anche un luogo ambito per le cene e i pranzi. Il ristorante Fiori di Murano del Royal Hotel Sanremo, fu inaugurato nel 1947 e prende il nome dalle decorazioni di fiori di vetro disegnate proprio da Mario Bertolini e realizzate da un artigiano dell’isola Veneziana. Nel giugno del 1948 è stata poi portata a termine la piscina nata dall’idea dell’architetto Giò Ponti, una piscina unica nel suo genere in quanto riempita con l’acqua di mare e, come se non bastasse, fu anche una delle prime piscine d’albergo in Europa. Famosissimo, ancora oggi, è lo scenario in cui è inserit  la piscina del Royal Hotel Sanremo visto che si trova in un vasto giardino di circa 12.000 metri quadri. A oggi l’albergo dispone di 126 camere e suite, 6 sale congressi, la Spa Royal Wellness, ristoranti, una piscina, un campo da tennis, minigolf, una palestra, un servizio bar, parcheggi coperti ed esterni e un patrimonio artistico dell’albergo indimenticabile. Vi sono infatti diverse opere d’arte degne di nota, come l’affresco del pittore svizzero Martin Fernsten dal titolo Mediterraneo, oppure un’opera d’arte della scuola caravaggesca intitolata I Giocatori e un esempio straordinario di art-nouveau con un busto marmoreo intitolato Adolescenza.

sanremo-cosa-fare-vedere-dintorni-festival-sera-bambini-divertimento

Cosa fare a Sanremo: dove mangiare, itinerari weekend, attrazioni per bambini e eventi

Articolo precedente
storia-royal-hotel-sanremo-albergo-lusso-liguria

Imposta di soggiorno a Sanremo dal 1°giugno 2019: cos’è, normativa e dove si paga

Articolo successivo