Cerca

Weekend a Sanremo: cosa vedere in 2 giorni, l’itinerario

sanremo-cosa-vedere-due-giorni-itinerario-weekend

Itinerario Sanremo: cosa vedere in due giorni o nel weekend

Visitare Sanremo significa decidere di regalarsi una vacanza al mare, ma anche alla scoperta di bellezze storiche, naturali e della musica italiana. Questa città ligure in provincia di Imperia, è una perla di rara bellezza che merita di essere visitata e che, anche se avete solo due giorni a disposizione, è perfetta per una fuga dalla routine quotidiana. Città patria del Festival di Sanremo, naturalmente accoccolata tra le colline e il mare e circondata da borghi antichissimi a pochi chilometri, Sanremo è la meta perfetta per un weekend di vacanza durante l’estate, ma anche in qualsiasi momento dell’anno. Vediamo allora insieme cosa vedere a Sanremo in un weekend e una proposta di itinerario per due giorni.

Cosa vedere a Sanremo in due giorni: l’itinerario

Come prima cosa sappiate che visitare Sanremo in due giorni significa fare una full immersion nella realtà ligure e, oltre a scegliere un alloggio in centro per potersi muovere a piedi, è fondamentale anche preparare il vostro stomaco ad assaporare i tanti piatti tipici liguri.

Weekend a Sanremo: itinerario, giorno 1

Una volta arrivati a Sanremo, il primo giorno potreste iniziare con una passeggiata lungo Corso Nazario Sauro, direttamente sul mare, per rendersi conto della magnifica location in cui sorge Sanremo. Viaggiando in direzione Ventimiglia raggiungerete il Forte Santa Tecla situato nel cosiddetto Porto Vecchio di Sanremo. Si tratta di uno dei pochi esempi di architettura militare del settecento che non ha subito radicali cambiamenti nel corso dei secoli. Voluto dall’antica Repubblica di Genova dopo i moti di ribellione del 1753, questo edificio ha cambiato diverse destinazioni d’uso, anche se oggi è un polo museale che ospita mostre di grande importanza. Ammirandolo, immerso nella sua cornice fatta di mare, barche dei pescatori e piccoli localini lungo la costa, noterete subito che i cannoni non sono rivolti verso il mare, ma verso la città, proprio a simboleggiare l’occhio costante della Repubblica Genovese che, all’epoca, governava Sanremo. Da qui potrete continuare la passeggiata e magari fermarvi per pranzo in uno dei tanti chioschi che punteggiano la via.

Porto di Sanremo
Credits Pixabay

Subito dopo pranzo il tour alla scoperta di Sanremo prosegue, ma spostandoci leggermente verso l’interno e passeggiando nelle due principali vie dedicate allo shopping: l’Aurelia e Via Matteotti. Quest’ultima, pedonale, ha una caratteristica speciale. Lungo la pavimentazione sono state apposte delle targhe in bronzo che riportano i nomi di tutti i vincitori del Festival di Sanremo. Proprio qui, in via Matteotti, a pochi passi dalla piazza centrale di Sanremo, Piazza Colombo, si trova il teatro Ariston. Ogni anno in questa location si svolge il famoso Festival di Sanremo: la città nel mese di febbraio si anima così con tantissimi artisti provenienti da tutta Italia e, nell’aria della città, risuona musica ad ogni angolo. A questo punto, dal Teatro Ariston, passeggiando sempre in direzione ovest, potrete trovare la statua di Mike Bongiorno, omaggio allo storico presentatore della kermesse e, passo dopo passo, riscoprire tutte le canzoni che hanno segnato la storia della musica italiana. Al fondo di Via Matteotti apparirà davanti ai vostri occhi lo spettacolare Casinò di Sanremo perfetto per una visita serale, ma non prima di aver cenato assaggiando le specialità di pesce come i famigerati gamberi rossi di Sanremo, perfetti crudi o cotti accompagnati dalla verdura fresca di stagione direttamente raccolta nei terrazzamenti alle spalle di Sanremo, per una cena all’insegna del chilometro zero.

Weekend a Sanremo: itinerario, giorno 2

Il secondo giorno di permanenza a Sanremo è da dedicare ancora una volta alla scoperta di questa splendida cittadina. Tornando sempre in Piazza Colombo, invece di percorrere Via Matteotti, vi consigliamo di andare alla scoperta di Via Palazzo, una caratteristica strada stretta tra i palazzi, tipica dell’architettura ligure. Dopo aver fatto un po’ di shopping è il momento di inerpicarsi verso la Pigna, la zona più antica e caratteristica di Sanremo, ora luogo di incontro tra tradizioni locali e profumi e sapori provenienti da ogni parte del mondo. Per un istante vi sembrerà di essere finiti in un’altra nazione. Salendo vi troverete davanti a diverse piccole chiesette, come quella di San Costanzo, fino ad arrivare allo straordinario Santuario della Madonna della Costa. Questo è uno dei luoghi di culto più caro ai sanremesi. Entrate, se possibile, all’interno perché l’architettura è maestosa e solenne.

Panorama di Sanremo
Photo by Danilo Cestonato on Unsplash

Dopo questa faticosa salita nel cuore della Pigna di Sanremo è tempo di riposarsi e quindi tornare verso il centro città e percorrere la splendida passeggiata di Corso Imperatrice, voluta proprio dall’imperatrice di Russia Maria Alexandrovna. La donna per problemi di salute doveva soggiornare spesso al mare e, trovatasi a Sanremo, se ne innamorò al punto tale da regalare alla città numerose palme per adornare il corso che lei stessa percorreva durante il giorno. Quelle stesse palme si trovano ancora oggi lungo Via Imperatrice e donano ombra e ristoro dalla calura a tutti coloro che percorrono questa via a ridosso del mare in estate. Lungo il percorso potrete poi ammirare la statua della Primavera e il monumento a Giuseppe Garibaldi.

Weekend a Sanremo: dove dormire nella Città dei Fiori

Le bellezze di Sanremo sono ancora moltissime, ma in un itinerario di due giorni di questo tipo avrete visto il più possibile e sicuramente i luoghi di maggiore interesse. Se state cercando un luogo dove soggiornare qui troverete tutte le nostre offerte:

(Credits Photo: Pixabay, Wikipedia e S.Marvaldi)

ristoranti-sanremo-dove-mangiare-royal-hotel-sanremo

Dove mangiare a Sanremo: i ristoranti del Royal Hotel Sanremo a due passi dal mare

Articolo successivo